.
Annunci online

mimmochianura

I vaccini, la truffa inglese e l'ingenuità italiana

diario 16/8/2018

L'OBESITA' E LE NUOVE FRONTIERE

diario 8/1/2013

Secondo i dati Oms (Organizzazione mondiale della sanità), nel 2015 ci saranno non meno di 700 milioni di individui obesi. Il riferimento, già enfatico, assume aspetto preoccupante guardando il parametro del 2005. Gli obesi erano stimati in almeno 400 milioni di individui.

Il fenomeno ebbe monitoraggio nel XX secolo. Difficile capire come fosse giudicato in precedenza. I primi scritti risalgono al XVI secolo.

L'incidenza iniziale era terreno fertile dei paesi industrializzati. Via via lo scompenso ha colpito nazioni in via di sviluppo con Messico e Cina in testa. Sconcerta leggere i dati Oms. Nessuno, ripeto nessuno, avrebbe mai scommesso un centesimo sulla particolare incidenza della patologia in alcune isole dell'Oceania!

Avreste mai detto che a Tonga, Nauru ed alle isole Cook l'obesità "colpisce" il 60% della popolazione? Il dato è relativo. Giusto per capirci: Nauru è una micro repubblica con appena 10.000 residenti. Strutture sanitarie buone, eppure il 94,5% della popolazione soffre di sovrappeso; il 40% soffre di diabete tipo 2; un bambino su cento muore alla nascita; aspettativa di vita pari a 63 anni. Perché questo? Una chiave di lettura, la ricercherei nel tasso di disoccupazione: 90% della popolazione!

L'elaborato americano quanto meno è scontato: 44% dei maschi statunitensi e 37% degli argentini. Le donne si attestano sul 48%. In Europa, il dato Oms del 2010 segnala 150 milioni di obesi ovvero il 20% della popolazione. Albania e Gran Bretagna denunciano il dato più alto con percentuale superiore al 22%.

A livello mondiale, Australia, Canada, Gran Bretagna e Stati Uniti consolideranno il "primato" nei prossimi 10 anni. L'obesità, quindi, muove i propri passi in modo disorganico: non necessariamente è direttamente proporzionale alla ricchezza ed istruzione. E' certo però che le donne, in via tendenziale, sono più obese. In Europa almeno 15 milioni di bambini (pari al 10% della popolazione) sono interessati dall'obesità.

In Italia, i bambini (6-11 anni) in sovrappeso sembra siano più di UN MILIONE. Il 12% è obeso ed il 24% in sovrappeso.

I bambini in sovrappeso/obesi sono così suddivisi nella Top 5:

- Campania 49%;

- Molise 42%;

- Calabria 42%;

- Sicilia 42%;

- Basilicata 39%.

Le regioni più virtuose: Veneto, Piemonte, Sardegna, Friuli Venezia Giulia; virtuosissima la Valle d'Aosta con incidenza del 23%.

Gli adulti obesi sono quasi 5 MILIONI e con un +9% rispetto a cinque anni fa.

Qualche mese fa, il presidente Monti voleva introdurre imposta, in particolare, sulle bevande gassate. La misura è rimasta solo sulla carta. Multinazionali dalle potenti lobbies come Pepsico, Coca Cola hanno avuto la meglio...almeno per ora!

 

                                     MIMMO CHIANURA - @MimmoChianura